Auto elettriche: obbligatorio fare rumore, la decisione dell’Ue



Per le auto elettriche sarà obbligatorio fare rumore: ecco la nuova decisione dell’Ue che, da luglio 2019, impone a tutti i possessori di veicoli elettrici o ibridi di dotarsi di un avvisatore acustico per circolare all’interno dei paesi dell’Unione Europea.

Macchine e motorini che non hanno bisogno di carburante per camminare, oltre ad essere a impatto zero e molto efficienti, sono anche estremamente silenziose. È per questa ragione che si è deciso di integrare questi mezzi con un dispositivo che emetterà un suono continuo e in grado di aumentare di intensità in base alla velocità di spostamento, così da evitare possibili collisioni e incidenti.
Il nome tecnico di questo apparecchio è Acoustic Vehicle Alert System (AVAS), non deve essere disattivabile e deve generare un rumore continuo di almeno 56 decibel e non più di 75 decibel quando la vettura si sta spostando fino a una velocità di 20 km orari.


Dunque obbligatorio fare rumore, ma andiamo ora a vedere più da vicino la ragione alla base della decisione dell’Unione Europea e quali conseguenze avrà questa normativa per i possessori di veicoli elettrici.

Auto elettriche: perché sarà obbligatorio fare rumore?

Ma perché sarà obbligatorio per le auto elettriche fare rumore ? La decisione dell’Ue è scaturita in seguito agli incidenti che si sono verificati a causa della modalità molto silenziosa di queste auto. Infatti dal 1° luglio 2019 , tutte le vetture elettriche dovranno essere dotate di un particolare
apparecchio che emetta una frequenza standard in grado di riprodurre un suono che renda immediato il riconoscimento di un veicolo elettrico in arrivo, specialmente nelle aree urbane dove il rumore degli pneumatici sulla strada non basta.

Questi mezzi, infatti, rappresentano un pericolo non solo per pedoni, ciclisti, motociclisti e altri automobilisti, ma soprattutto per le persone ipovedenti o non vedenti che devono necessariamente basarsi soltanto sull’udito come senso salva vita. Non solo quindi uno scrupolo nei confronti di pedoni distratti, ma una vera e propria necessità.
Ed ecco che allora, a partire da luglio 2019, ogni auto elettrica, ibrida plug-in o ibrida tradizionale venduta in Europa dovrà essere dotata di un sistema che emetta un suono alle basse velocità, ma non solo. Anche tutte quelle precedentemente fabbricate dovranno omologarsi alla normativa e
avere a bordo l’ apparecchio detto AVAS.

Sono due le caratteristiche principali di questo rumore: la prima è che non costituisce un disturbo eccessivo, anzi essendo molto simile al rumore bianco, per molte persone, può risultare addirittura piacevole e la seconda è che permette di distinguerne il punto di origine in modo preciso, a differenza del suono di un motore, le cui onde possono rimbalzare tra superfici solide disorientando l’ascoltatore.
Ovviamente i costruttori delle case automobilistiche si stanno portando avanti, chi proponendo dei rumori particolarmente rilassanti e chi, invece, lasciando volare la fantasia, come nel caso della Mercedes. La norma arriverà anche per gli scooter elettrici ? Dovremo aspettare le decisioni sull’argomento dell’Ue, ma potrebbe ben presto arrivare una normativa simile anche per i mezzi elettrici a due ruote.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Auto elettriche: obbligatorio fare rumore, la decisione dell’Ue, 10.0 out of 10 based on 1 rating