Coprisedili per auto: guida all’acquisto



Coprisedili per auto

I materiali oggi impiegati nel settore automobilistico per la realizzazione dei rivestimenti dei sedili sono appositamente creati per durare a lungo nel tempo e resistere ad agenti e fattori esterni come ad esempio l’attrito o la radiazione ultravioletta.

Nonostante la loro robustezza e resistenza, tuttavia, tali rivestimenti non sono né eterni, né invulnerabili. Una volta che si sono accidentalmente rovinati, sono destinati a rimanere tali causando compromissioni più o meno gravi dell’estetica dell’abitacolo e contribuendo a diminuire il valore del veicolo.

Per evitare queste problematiche occorre agire d’anticipo e dotare la propria auto di coprisedili che offrano un adeguato livello di protezione e che, al tempo stesso, siano rispondenti ai propri canoni estetici.

Di questi accessori si può trovare in commercio una gamma molto ampia di modelli, materiali e rifiniture, e un aspetto basilare di cui tenere conto in fase di scelta è costituito dalla rispondenza del prodotto all’autovettura specifica che si possiede. I coprisedili universali sono in genere più economici, ma non possono garantire il medesimo grado di aderenza e di adattamento alle forme dei sedili che contraddistinguono i prodotti progettati su misura per ciascun singolo modello di auto.

Per quanto riguarda la fantasia, il colore e altre caratteristiche estetiche dei coprisedili la scelta è molto personale e soggettiva, mentre invece per quel che concerne il materiale ci sono dei precisi aspetti di carattere tecnico e pratico da tenere in considerazione.

I coprisedili in tessuto

Questa opzione rappresenta una scelta conveniente per chi è alla ricerca di coprisedili dal buon rapporto qualità/prezzo. Si tratta di accessori caratterizzati solitamente da un costo accessibile e da una adeguata durata nel tempo, che offrono anche vantaggi di tutto rispetto dal punto di vista pratico, ovvero:

Traspirabilità: questa caratteristica si fa apprezzare soprattutto durante i mesi più caldi dell’anno, quando i coprisedili in tessuto non ostacolano la sudorazione e permettono di mantenere un buon livello di comfort durante la guida.

Facilità di lavaggio: in genere, i coprisedili di tessuto possono essere lavati senza problemi in lavatrice ogniqualvolta se ne avverte la necessità, favorendo così il comfort e l’igiene.

I coprisedile in pelle e in similpelle

Si tratta di varianti di coprisedili per auto caratterizzate da un prezzo di partenza più elevato rispetto alle precedenti, ma che sono in grado di soddisfare anche gli acquirenti più esigenti. I coprisedili in pelle e similpelle si distinguono infatti per:



Resistenza ai liquidi: questi prodotti presentano un grado di impermeabilità superiore rispetto ai coprisedili di tessuto e resistono perciò allo sversamento di sostanze accidentali (es. schizzi d’acqua, rovesciamento di bevande/cibi o percolamenti dalle borse della spesa). Ciò significa che i sedili sottostanti beneficeranno di un maggior grado di protezione.

Igienicità: in virtù della loro struttura liscia e uniforme in superficie, i coprisedili in similpelle e in pelle si oppongono spontaneamente all’accumulo di sporcizia o allergeni e, inoltre, possono essere aspirati e puliti con facilità. Un bel vantaggio per tutti, ma soprattutto per chi soffre di allergie respiratorie.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Coprisedili per auto: guida all’acquisto, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Be Sociable, Share!