tavola rotonda forum automotive

Le Case Auto investono molto sull’elettrico, ma la diffusione resterà limitata per i prossimi 5 anni

Il mercato automotive vive oggi un paradosso: sono sempre più consistenti gli investimenti delle case automobilistiche sull’elettrico, raggiungeranno globalmente la cifra di 225 miliardi di dollari nel 2023, con un’offerta di modelli in Europa che si amplierà passando dagli attuali 62 (ibridi plug-in ed elettrici) a più di 230; la penetrazione di vetture elettriche è

Blocco Diesel Euro 3 2018 nel Nord Italia

Dal 1 ottobre 2018 sono in vigore le nuove misure anti-smog previste dal “Nuovo accordo per la qualità dell’aria nel bacino padano”, stabilite dal Ministero dell’Ambiente in accordo con le regioni del Nord Italia: Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Veneto. Le nuove limitazioni alla circolazione 2018 interessano i veicoli con motorizzazioni benzina e diesel più vecchie,

Hyundai presenta il nuovo suv a idrogeno

Nuovo suv a idrogeno di Hyundai con sistema fuel cell di 4° generazione Hyundai ha presentato a Seul, in anteprima mondiale, il SUV Fuel Cell di ultima generazione che propone un nuovo design, migliori prestazioni e una maggiore autonomia rispetto all’attuale Hyundai ix35 Fuel Cell (prima auto a idrogeno al mondo prodotta in serie dal

Auto ecologiche: in salita il mercato online

Dai dati forniti dalla Confesercenti sembra proprio che il 2013 sia stato l’anno in cui l’e-commerce, assieme a pochissimi altri settori economici, abbia ottenuto risultati in controtendenza all’andamento nazionale, con un saldo attivo di ben 472 nuove aziende rispetto al 2012. E’ vero, come commentano gli esperti, che questi valori economici positivi devono essere letti

La storica Bugatti diventa elettrica dal design supersportivo

Il futuro dell’energia si colora di verde, la stessa che sarà presente nei propulsori delle automobili del futuro. E non solo in quelle di uso quotidiano, come dimostra la capillare diffusione delle vetture ecologiche, ma anche nelle idee dei progettisti come Marc Devauze.  Sì, perché al giorno d’oggi per essere veramente all’avanguardia non basta solamente